Case su piante

Ricordate la vostra casa sull’albero? Da oggi ci sono anche le case su piante, è la novità di un’artista statunitense.

Tutti abbiamo desiderato una casa sull’albero e l’ artista statunitense Jedediah Corwyn Voltz ha pensato di costruire le case su piante da interni. Un buon modo per rendere le piante da interno ancora più decorative, la pianta non subisce nessun trattamento, infatti, la sua struttura viene rispettata e la casina rimane sempre lì in esposizione, una casa in tutto e per tutto immersa nel verde!

Non ci sono piante che l’artista predilige, utilizza qualsiasi pianta, anche se preferisce i cactus e l bonsai. La loro struttura è costruita minuziosamente, infatti, queste case su piante, sono resistenti anche alla crescita della pianta stessa, che con il tempo potrebbe far crollare l’intera struttura. Le case assomigliano in tutto e per tutto a quelle della casa delle bambole che le bambine collezionavano fino a qualche anno fa.

case_su_piante

La particolarità di queste case su piante sta nei prodotti utilizzati, in quanto sono tutti ecologici perché sono prodotti riciclati dalle sue precedenti opere (ad esempio usa pezzi di legno inutilizzati e modificati), inoltre si rispetta così non solo la pianta ma l’ambiente, essendo materiali ad impatto ambientale zero ed eco-friendly. Le case su piante pur non avendo uno scopo pratico ma solo decorativo ed estetico hanno permesso all’artista statunitense di essere uno tra i più ricercati degli ultimi anni, infatti, alcune delle sue opere sono state ospitate in un museo di Washington (che ha sicuramente aumentato la sua visibilità). Dal 23 Aprile le opere dell’artista sono esposte al Virgil Normal di Los Angeles.

I costi delle case su piante, o delle opere-piante, variano in base alla complessità e alla pianta che l’artista si trova davanti, se volete acquistare una delle case su piante personalizzate occorre prenotarvi.

Fonte: http://design.fanpage.it/le-case-sulle-piante-ecco-le-incredibili-miniature-di-jedediah-voltz/

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn