AGAVE

Nel genere delle Agave sono comprese 300 specie di piante perenni, succulente, con grandi infiorescenze erette a spiga o a pannocchia, i fiori sono carnosi bianco-verdastri o rosso-verdastri. Le foglie sono riunite in rosette basali, portate da un fusto a volte breve, a volte lungo, molto spesso hanno delle spine all’apice delle foglie. La specie più nota è l’Agave Americana (altezza e diametro fino a 3 metri).

COLTIVAZIONE

Sono molto resistenti alla siccità, per questo possono essere tranquillamente piantate in giardino e in zone a clima caldo. Nelle zone più a Nord possono essere coltivate in vaso e collocate in posti molto luminosi e ritirate all’interno quando arriva l’inverno.

Si concimano con un prodotto ternario 1-2 volte nel periodo vegetativo, tramite fertiirrigazione alla dose di 20-30 grammi di concime per decalitro d’acqua o spargendo il concime attorno alla pianta alla dose di 20-30  grammi per mq.

ANNAFFIATURA

Si devono annaffiare moderatamente durante il periodo vegetativo e in estate, per le piante adulte in piena terra non occorre che si bagnino.

RINVASATURA

Le piante coltivate in vaso si rinvasano ogni 1-2 anni, in primavera. Il substrato deve essere sabbioso e ben drenato, inoltre, sul fondo del vaso occorre inserire cocci o ghiaietto per favorire l’eliminazione dell’acqua in eccesso che potrebbe causare marciumi.

MOLTIPLICAZIONE

La moltiplicazione in seme si effettua in primavera, non bisogna togliere l’infiorescenza a fine fioritura ma bisogna lasciare che il seme maturi. Se si vuole ottenere subito una nuova pianta di Agave si possono tagliare i germogli basali in primavera, lascia asciugare il taglio e poi mettere a radicare le nuove piante in un terriccio leggero.

MALATTIE E PARASSITI

Se notate chiazze brune e macchie nere sulle foglie è dovuto al fungo Coniothyrium concentricum che può essere eliminato grazie a fungicidi a base di rame o di ditiocarbammati. L’Agave può essere colpita anche da  cocciniglie che presenti sulle foglie e sui fusti, causano deperimento della pianta.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn